Francesca Michielin si sposta sull’elettronica etnica

francesca-michielin-riocarnival

Foto: ufficio stampa

 

Ci può essere una sintesi tra il mondo colorato e l’elettronica ghiacciata? Nel pop italiano sì, a quanto pare, e la si trova in molte delle tracce di 2640, il nuovo album di Francesca Michielin, 22 anni da Bassano del Grappa, vincitrice ancora teen di un X Factor di non tanto tempo fa.

Che sembra un secolo a dire il vero se si ascolta questo disco. Perché in Lava, Comunicare e Bolivia, soprattutto, la voglia di comprendere tutto, almeno tutto il suo mondo, è davvero tanta. E produce pure risultati godibili, più che nel recente passato. Certo, alla produzione c’è l’eterno Michele Canova, ma qui si sente che la cantautrice ha voluto metterci un po’ di Bjork e un po’ dei suoi amici cosmopoliti. Famosa per la sua frequentazione di street food etnici, la Michielin ce lo ha detto senza mezze misure: “Molti pensano che in questo disco ci sia molta famiglia mia, il che è vero. Ma c’è anche una famiglia allargata, che è quella dei miei amici che frequento, a cui ho chiesto di mandarmi dei suggerimenti che ho campionato. Così mi fanno da orchestra”. E sono di tutte le razze e provenienze. Il risultato suggestivo lo ascolterete da venerdì 12 gennaio nel disco che contiene 13 brani e che ruota intorno a tre elementi, come si vede anche nel logo di copertina. Il primo è un Vulcano rosso, come le parole più crude da comunicare. Il secondo è un Mare, blu e caotico, da imparare a ascoltare. E il terzo è una Montagna, alta, dove si arriva sulla cima solo per provare a immaginare.

Christian D’antonio

About Christian D'antonio

Christian D'Antonio (Salerno, 1974) osserva, scrive e fotografa dal 2000. Laureato in Scienze Politiche, è giornalista professionista dal 2004. Redattore di RioCarnival. Attualmente lavora nella redazione di JobMilano e collabora con Freequency.it Ha lavorato per Panorama Economy, Grazia e Tu (Mondadori), Metro (freepress) e Classix (Coniglio Ed.)

Share
be a pal and share this would ya?
Francesca Michielin si sposta sull’elettronica etnica